Barcellona, 60 milioni per LaLiga: deadline il 31 agosto

Il Barcellona deve colmare un nuovo buco di bilancio: per i blaugrana sarà necessario incassare 60 milioni di euro entro il 31 agosto per poter iscrivere i propri acquisti, e i rinnovi, alla lista Liga

Lorenzo Ferrai
3 Min di lettura

Seguici anche su Google News, clicca qui

I diversi club continuano a muoversi senza sosta sul fronte calciomercato con grande fermento per rinforzare i propri organici. Ma c’è anche chi è costretto alla frenata improvvisa, come il Barcellona di Xavi, che si trova nuovamente a dover risolvere i propri problemi legati al bilancio. I blaugrana, infatti devono incassare 60 milioni di euro entro il 31 agosto 2023, per poter iscrivere i nuovi arrivi al prossimo campionato de LaLiga.

A riportarlo è il portale spagnolo Partidazo de Cope, che specifica come quel buco economico debba essere sanato entro il 31 agosto, termine massimo per la registrazione dei nuovi acquisti e dei rinnovi. Difatti, fino ad allora il Barcellona non potrà registrare nella lista Liga i nuovi arrivi Inigo Martinez e Ilkay Gundogan.

Barcellona, priorità cessioni: da Kessié ad Ansu Fati

Dopo aver puntellato la propria rosa, il Barcellona necessita di vendere, in modo da rispettare i parametri imposti dalla federazione spagnola per poter registrare gli acquisti arrivati in questa finestra di calciomercato, oltre ai giocatori freschi di rinnovo, come Alonso, Sergi Roberto e Araujo. Prima di poter rinforzare ulteriormente la rosa allenata da Xavi, i catalani devono occuparsi degli esuberi.

Franck Kessie @livephotosport
Franck Kessie @livephotosport

In cima alla lista compare il nome di Franck Kessié, nel mirino della Juventus, mai riuscito ad imporsi nella sua avventura con i catalani e che appare fuori dal progetto tecnico di Xavi. Assieme all’ivoriano, un altro possibile indiziato a lasciare il Barcellona sarebbe Ansu Fati, anche lui finito ai margini dello scacchiere blaugrana e papabile esubero da cui ricavare una cospicua somma di denaro, utile a sanare il buco finanziario.

Annata che si complica ancora prima di iniziare per un Barcellona desideroso di tornare ai vertici in Europa, dopo aver rimesso le mani su LaLiga. La campagna acquisti atta a rendere più competitiva la rosa di Xavi è costretta a subire una frenata temporanea, anche se il club catalano non dovrebbe avere problemi a racimolare i 60 milioni richiesti entro il 31 agosto prima di potersi veramente concentrare sui colpi in entrata.

Condividi questo articolo
Facebook Twitter Pinterest LinkedIn
Lascia un commento